Come annunciato oggi nel post di Eugenio Comincini, primo firmatario dell'emendamento di equiparazione dei monopattini elettrici alle biciclette, la normativa contenuta nel decreto Milleproroghe 2020 è ormai consolidata. Vediamo, punto per punto, in cosa consiste questa regolamentazione.

Dopo l’articolo 33 è inserito il seguente:
Art. 33-bis. (Monopattini elettrici) 1. Il termine di conclusione della sperimentazione di cui all’articolo 1, comma 102, della legge 30 dicembre 2018, n. 145, indicato dall’articolo 7 del decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti 4 giugno 2019, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 162 del 12 luglio 2019, è prorogato di dodici mesi.  La circolazione mediante segway, hoverboard e monowheel, ovvero analoghi dispositivi di mobilità personale, è consentita, solo se sono a propulsione prevalentemente elettrica, nell’ambito della sperimentazione disciplinata dal citato decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti 4 giugno 2019 e nel rispetto delle caratteristiche tecniche e costruttive e delle condizioni di circolazione da esso definite.

Tradotto: per quanto riguarda Segway, Hoverboard, Monowheel, valgono ancora le prescrizioni incluse nel Decreto di Sperimentazione di giugno 2019, la cui scadenza viene prorogata di un anno.

Il comma 75 dell’articolo 1 della legge 27 dicembre 2019, n. 160, è sostituito dai seguenti:
75. Nelle more della sperimentazione di cui all’articolo 1, comma 102, della legge 30 dicembre 2018, n. 145, e fino alla data di entrata in vigore delle nuove norme relative alla stessa sperimentazione, sono considerati velocipedi, ai sensi dell’articolo 50 del codice della strada, di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, anche al di fuori degli ambiti territoriali della sperimentazione, i monopattini a propulsione prevalentemente elettrica non dotati di posti a sedere, aventi motore elettrico di potenza nominale continua non superiore a 0,50 kW, rispondenti agli altri requisiti tecnici e costruttivi indicati nel decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti 4 giugno 2019, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 162 del 12 luglio 2019, e caratterizzati dai componenti elencati nell’allegato 1 al medesimo decreto.

Ovvero: per i monopattini elettrici con potenza fino a 500W valgono le prescrizioni indicate nel CdS per le biciclette - salvo le diverse indicazioni specificate di seguito.

75-bis. Chiunque circola con un monopattino a motore avente caratteristiche tecniche diverse da quelle indicate dal comma 75 è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 100 a euro 400. Alla violazione consegue la sanzione amministrativa accessoria della confisca del monopattino, ai sensi delle disposizioni del titolo VI, capo I, sezione II, del codice di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, quando il monopattino ha un motore termico o un motore elettrico avente potenza nominale continua superiore a 2 kW.

In breve: se circoli con un monopattino con potenza maggiore dei 500W sopra indicati, la sanzione varia da 100 a 400 euro. Nel caso la potenza risulti superiore ai 2000W, è prevista la confisca che, diversamente dal sequestro, comporta la definitiva perdita di possesso dei veicolo.

75-ter. I monopattini a propulsione prevalentemente elettrica di cui al comma 75 possono essere condotti solo da utilizzatori che abbiano compiuto il quattordicesimo anno di età e possono circolare esclusivamente sulle strade urbane con limite di velocità di 50 km/h, ove è consentita la circolazione dei velocipedi, nonché sulle strade extraurbane, se è presente una pista ciclabile, esclusivamente all’interno della medesima.

Chiunque abbia almeno 14 anni può utilizzare il monopattino elettrico su tutte le strade urbane con limite fino a 50km/h. Al di fuori di questo contesto, ovvero fuori dai centri abitati, è possibile percorrere solamente le piste ciclabili: niente statali o provinciali, ma neanche strade cittadine con limite a 70km/h.

I monopattini non possono superare la velocità di 25 km/h quando circolano sulla carreggiata e di 6 km/h quando circolano nelle aree pedonali.

La velocità massima consentita è di 25km/h in strada o su ciclabile, e di 6km/h all'interno delle aree pedonali.

Da mezz’ora dopo il tramonto, durante tutto il periodo dell’oscurità e di giorno, qualora le condizioni atmosferiche richiedano l’illuminazione, i monopattini a propulsione prevalentemente elettrica sprovvisti o mancanti di luce anteriore bianca o gialla fissa e posteriormente di catadiottri rossi e di luce rossa fissa, utili alla segnalazione visiva, non possono essere utilizzati e possono essere solo condotti o trasportati a mano.

In caso di scarsa visibilità è necessario accendere le luci. In mancanza di queste, si può solo spingere a mano.

Chiunque circola con un monopattino a propulsione prevalentemente elettrica in violazione delle disposizioni del presente comma è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 100 a euro 400.

In caso di violazione delle disposizioni di cui sopra, multe da 100 a 400 euro.

75-quater. I conducenti dei monopattini a propulsione prevalentemente elettrica di cui al comma 75 devono procedere su un’unica fila in tutti i casi in cui le condizioni della circolazione lo richiedano e, comunque, mai affiancati in numero superiore a due, devono avere libero l’uso delle braccia e delle mani e reggere il manubrio sempre con entrambe le mani, salvo che non sia necessario segnalare la manovra di svolta.

Come per le bici, non si può procedere affiancati. Se non c'è nessuno, ci si può affiancare in due.

I conducenti di età inferiore a diciotto anni hanno, altresì, l’obbligo di indossare un idoneo casco protettivo.

Casco obbligatorio per i minorenni.

È fatto divieto di trasportare altre persone, oggetti o animali, di trainare veicoli, di condurre animali e di farsi trainare da un altro veicolo.

Non si va in due, niente animali a bordo, niente oggetti a bordo, niente traino.

Da mezz’ora dopo il tramonto, durante tutto il periodo dell’oscurità e di giorno, qualora le condizioni atmosferiche richiedano l’illuminazione, i conducenti dei monopattini a propulsione prevalentemente elettrica hanno l’obbligo di indossare il giubbotto o le bretelle retroriflettenti ad alta visibilità, di cui al comma 4-ter dell’articolo 162 del codice di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285.

In caso di scarsa visibilità è obbligatorio indossare giubbotto e bretelle ad alta visibilità in modo da evidenziare meglio la propria posizione.

Chiunque viola le disposizioni del presente comma è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 50 a euro 200.

Le multe per la violazione di queste prescrizioni variano da 50 a 200 euro.

75-quinquies. Chiunque circola con un dispositivo di mobilità personale avente caratteristiche tecniche e costruttive diverse da quelle definite dal decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti 4 giugno 2019, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 162 del 12 luglio 2019, ovvero fuori dell’ambito territoriale della sperimentazione di cui al medesimo decreto è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 100 a euro 400. Alla violazione consegue la sanzione amministrativa accessoria della confisca del dispositivo, ai sensi delle disposizioni del titolo VI, capo I, sezione II, del codice di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, quando il dispositivo ha un motore termico o un motore elettrico avente potenza nominale continua superiore a 2 kW.75-sexies. Ai fini dell’applicazione delle sanzioni di cui ai commi da 75-bis a 75-quinquies, si applicano le disposizioni del titolo VI del codice di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285. Si considerano in circolazione i veicoli o i dispositivi di mobilità personale che sono condotti nelle aree e negli spazi individuati dal medesimo codice di cui al decreto legislativo n. 285 del 1992.

Questo comma è più complesso da interpretare con precisione poiché fa riferimenti ad altre normative che a loro volta contengono altri riferimenti. In sostanza significa che, nel caso si circoli con microveicoli elettrici difformi dalle caratteristiche sopra indicate - un monopattino col sellino, per esempio - oppure in contesti diversi da quelli previsti - un Segway su strada -  le sanzioni vanno da 100 a 400 euro e, nel caso di potenza superiore a 2000w, è prevista anche la confisca.

75-sexies. Ai fini dell’applicazione delle sanzioni di cui ai commi da 75-bis a 75-quinquies, si applicano le disposizioni del titolo VI del codice di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285. Si considerano in circolazione i veicoli o i dispositivi di mobilità personale che sono condotti nelle aree e negli spazi individuati dal medesimo codice di cui al decreto legislativo n. 285 del 1992.

Quest'ultimo comma circoscrive l'ambito delle sanzioni: i veicoli autorizzati a circolare sono monopattini, segway, hoverboard e monowheel, le aree sono quelle indicate sopra, al di fuori di questa cerchia sono applicabili le sanzioni già indicate. Repetita juvant, insomma: niente multe da 4000€ come accaduto in passato.

2-bis. Chiunque circola con un veicolo atipico per il quale non sono state ancora definite le caratteristiche tecniche e funzionali indicate dal comma 2 è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 200 a euro 800. Alla violazione consegue la sanzione amministrativa accessoria della confisca del veicolo, secondo le norme del titolo VI, capo I, sezione II. Si procede in ogni caso alla sua distruzione.

Per tutti gli altri veicoli che non sono né monopattini, né segway/hoverboard/monowhell, le sanzioni consistono in ammende da 200 ad 800 euro, nonché confisca e sicura distruzione.

Esiste anche il comma 75-septies che, però riguarda esclusivamente i servizi di sharing e che specifica la necessità, per le aziende di sharing, di avere copertura assicurativa e di seguire le modalità di circolazione e di sosta previste dai singoli Comuni.

Tutto questo, salvo Errori & Omissioni.